La castagna. Da prodotto “povero” a fonte di sfizio, capace di generare reddito

Quante volte ricordiamo la storia della castagna nei nostri territori, associandola a prodotto di sussistenza di popolazioni rurali in un passato ormai lontano.

Ma forse non tutti sanno che, nella società moderna, questo frutto autunnale è diventato oggetto del desiderio di coloro che sono alla ricerca di occasioni di investimento nell’industria alimentare. Ci piace infatti far notare che esistono in Italia aziende alimentari che hanno fatto della castagna un business milionario e sono diventate oggetto del desiderio di fondi di private equity.

fullsizeoutput_3498

www.italcanditi.it

Italcanditi è una società di Perdendo (BG) con 400 dipendenti che si fregia di es

sere il maggior produttore di marron glacé d’Eruropa e di una gamma molto amplia di semilavorati e ingredienti per l’industria dolciaria. Il fondo di private equity Investindustrial ha acquisito il 70% della proprietà investendo proprio nel futuro di questa promettente azienda che ha fatto della castagna la sua principale fonte di reddito.

fullsizeoutput_3499

www.agrimola.it

Agrimola è una società di Casalfiumanese (BO) con un fatturato nel 2018 di 35 milioni di euro è il maggior distributore europeo di castagne e marroni freschi nella grande distribuzione. Agrimola è stata oggetto, sempre nel 2018, delle attenzioni di un altro fondo di private equity, Unigrains, che ne ha acquisito il 35% delle quote. L’ingresso del fondo si prevede che accompagni Agrimola nel suo percorso, già avviato, di sviluppo del marchio attraverso nuovi mercati da esplorare.

 

 

La presente nota è tratta da:

Faieta A. (2019). Il private equity scommette sulle castagne. Food 29 (2): 42-44.

 

Giacomo Costagli

Associazione Amici di Rivalto